Installazione sonora ispirata a Bildbeschreibung (Descrizione di un quadro) del drammaturgo tedesco Heiner Müller.

Dalla descrizione minuziosa di un quadro immateriale, che nessuno vede e che forse non c’è, inizia un viaggio verso un’immagine della memoria, o forse un incubo che sempre ritorna. È la Voce che attraverso una precisa descrizione crea questa immagine, indicando dove guardare, indirizzando l’attenzione verso un dettaglio, un colore, una forma, e portandoci a ragionare sulle cause e gli effetti di quello che iniziamo a vedere.
La voce si fa occhio, le orecchie si trasformano in nuovi organi della vista. Alla fine rimarrà solo la percezione di un ricordo, l’impressione di aver visto qualcosa.

art director and voice: Silvia Costa

sound design: Beatrice Goldoni (B.E.A.)